Collaboratore intelligente e generoso de “la Settimana” e di “Radio Kolbe”. Enzo Costa è nella luce di Dio.

tratto da pag. 7 de “la Settimana” del 19 Marzo 2017

Enzo arrivava in redazione prima di tutti; sempre puntualissimo. Ci sembravano così usuali il suo discreto saluto ed il sorriso, tanto che questo appuntamento doveva essere per sempre. Poi una indisposizione lo costrinse in casa. In questi ultimi due mesi speravamo che si riprendesse e in redazione aspettavamo ogni giorno che lui tornasse; come sempre. Guardavamo alla porta, al suo posto di lavoro prevedendo da un momento all’altro il suo arrivo. Eccolo – si pensava – eccolo che arriva con i giornali sottobraccio. Ora ci segue dal Cielo perché, in una ultima telefonata, ci parlò delle difficoltà e del suo immutato desiderio di tornare e di riprendere la collaborazione.
Abbiamo vissuto questi anni all’ex Angelo Custode – a la Settimana e a Radio Kolbe – come amici e fratelli. Enzo, con la sua finezza, con la sua esemplare delicatezza, con la sua sempre paziente attenzione a non disturbare, a non interferire, ci aveva abituato ad uno stile inconfondibile che suscitava ammirazione e rispetto.
Quando venne a proporci la sua collaborazione, pensammo che fosse un dono della Provvidenza, dato il sollievo intelligente e fattivo che egli veniva a dare al lavoro della comunicazione, sempre bisognoso di risorse. La sua voce poi raccontava la rassegna ecclesiale alla radio ogni giorno e qualche volta ci raccontava con soddisfazione della riprova dell’ascolto che da diverse persone gli veniva confermato con i complimenti.
Molti i momenti di condivisione e di gioia, molta la passione per la comunicazione. Si fermava solo in agosto, ma sicuramente era felice poi di riprendere il suo impegno al giornale e alla radio. Questa passione non era una novità, perché Enzo collaborò con la radio ancora nei primi anni istituendo e curando una trasmissione che raccontava le vittorie e le sconfitte dei giovani calciatori delle squadre del CSI. Anche allora egli mise insieme radio e settimanale con il notiziario in voce ai microfoni di Radio Kolbe nella prima sede al Don Bosco e con una pagina intera dedicata all’attività del CSI sul giornale.
Abbiamo così imparato a conoscere questa figura sempre fine, intelligente ed aperta al dialogo: prima di tutto amore per la famiglia, per la amatissima moglie Rina e per la nipote la carissima Silvia, poi il lavoro da dirigente di una struttura regionale e quindi la dedizione assidua per il mondo dello sport dove egli si fece conoscere ed apprezzare da bambini, ragazzi e adulti. Il mondo dello sport era presente nel suo cuore come una storia di amicizia e di appassionata partecipazione. Conosceva tutti, ricordava tutti.
Mai un giudizio sulle persone. Sempre una grande prudenza, rispetto ed eleganza che aveva per fondamento  una fede profonda nel Signore che ora egli ha incontrato faccia a faccia dopo averlo amato per tutta la vita.
Enzo non ha abbandonato il suo impegno per tutte queste realtà; egli continua – ne siamo sicuri – a darci una mano.

Gli amici
del Settimanale
e di Radio Kolbe

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...