Domenica è la giornata del Seminario. Le parole del Rettore Don Paolo Cestarollo

CESTAROLLO DON PAOLO
Don Paolo Cestarollo dal 2016 Rettore del Seminario diocesano

“Io susciterò loro un profeta in mezzo ai loro fratelli” (Dt 18,18)
Questa è la frase che abbiamo scelto come messaggio per la giornata del seminario tratta dalla prima lettura di domenica 28 gennaio.
Ancora oggi è radicata l’idea, sia tra il clero che tra i fedeli, che il prete sia altro, quasi una figura a sé, rispetto a tutte le altre persone, come se fosse incapace di errori, dubbi, fatiche …
Invece nella Scrittura si parla di profeta in mezzo ai fratelli: tutti fratelli indipendentemente dai ruoli, dalla posizione, dagli studi, o dalla scelta di vita.
Oggi il sacerdote è un fratello tra i fratelli nella comunità cristiana: fratello che conosce i fratelli camminando al loro fianco, condividendone le gioie, i dolori, i dubbi, gli errori, le miserie, ma anche i tanti piccoli miracoli quotidiani di speranza, di desiderio di rinascita, di perdono, di condivisione … Un sacerdote dona la propria vita al Signore e alla chiesa, che è la comunità a lui affidata e in cui dovrebbe esser perfettamente inserito. Per questo motivo, nella frase scelta per quest’anno, mi piace tanto quel: “in mezzo ai loro fratelli”!

Perché questo avvenga il sacerdote necessita di un percorso di formazione nel quale la tappa del seminario è essenziale: offre infatti un tempo prezioso per chiarire la propria chiamata, purificare le intenzioni, stare a tu per tu con Gesù, rimanendo con Lui, gustandone la presenza, leggendola nelle vicende quotidiane delle persone che si incontrano, nell’ordinarietà della vita, nella sua “routine”, giungendo ad una scelta che porti a dire consapevolmente: sarò sacerdote perché è il Signore che mi ha chiamato, seguendo così il versetto di Marco “chiamò a sé quelli che voleva” (Mc 3,13).
Credo che solo dopo aver percorso e vissuto pienamente un tratto di strada insieme a Gesù, solo vivendo questo rapporto esclusivo, da chiamati in modo unico ed irripetibile, ci si possa aprire al mondo, ai fratelli, ad una donazione di vita totale, che diventa germoglio per il Regno di Dio così come fece il Maestro: “Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli -, perché stessero con lui e per mandarli a predicare” (Mc 3,14). E’ bello stare a fianco dei ragazzi, con i loro entusiasmi e le loro difficoltà, in questo fondamentale percorso di verifica sulla chiamata del Signore Gesù. Riempie di gioia e dà speranza vivere una giornata con la mente, il cuore, e la preghiera rivolti a loro.

La giornata del Seminario sia occasione per tutti i cristiani delle nostre comunità di rinnovare la propria fede in Gesù, ed una preghiera salga al cielo dalle nostre parrocchie, per i dieci giovani in cammino verso Gesù della nostra Diocesi e i due giovani della diocesi di Chioggia che condividono con loro la vita insieme e per tutti i formatori.

Don Paolo Cestarollo
Rettore del Seminario Vescovile
S. Pio X

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...