Don Daniele Peretto: Una vita da prete e amministratore de “la Settimana”

di Gianni Azzi

Mons. Daniele Peretto è entrato nella luce di Dio nella mattinata di sabato 16 giugno presso l’ospedale civile dove era ricoverato da qualche giorno. Era di Arquà Polesine; figlio di Oddone e di Brancalion Gisella.
Nato a Rovigo il 1 febbraio 1929 ed entrato in Seminario diocesano giovinetto, ove compiva il cammino di formazione e di studio, prima di essere ordinato prete. Dalla Famiglia, dalla Parrocchia e dalle Associazioni ebbe una forte formazione cristiana. Con l‘arciprete canonico Aniceto Montacciani vi erano stati dei cappellani dello spessore di mons. Mario Michielotto con lo stimolo del quale si edificava il “Patronato”, ma tutto l’ambiente paesano odorava dell’opera e del ricordo di Mons. Giacomo Sichirollo. La guerra e l’alluvione gli imposero sacrifici che segnarono anche la sua salute.
Il 27 giugno 1954 S.E. mons. Guido Maria Mazzocco lo ordinava prete nella chiesa di S. Agostino, che era la cappella del Seminario. Celebrava la prima Messa solenne ad Arquà e fu grande festa per l’intero paese e in particolare per il sestriere di S. Antonio ove risiedeva la Famiglia Peretto.
Il 12 luglio 1954 fu nominato aiuto cancelliere della Curia di Rovigo, incarico che lasciava nel febbraio 1955 per un periodo di cura nella Casa della FACI ad Arco di Trento.
Ritornava in famiglia nel giugno 1956 e nell’ottobre successivo diveniva Direttore del Caenazzo di Badia Polesine. Il primo ottobre 1962 veniva nominato vicario sostituto di Roverdicrè. Il 4 giugno 1964 lasciava Roverdicrè per un ulteriore periodo di cura. Completamente ristabilito, il 22 gennaio 1965 approdava all’Ospedale civile di Lendinara come cappellano. Porta la data del 9 ottobre 1969 la sua nomina a collaboratore dell’Ufficio diocesano “Onarmo–Emigrazione”. Il 15 ottobre 1972 era nominato consulente ecclesiastico del Movimento Apostolico Ciechi. Fu per qualche tempo confessore dei Seminaristi e pro-vicario urbano. Collaboratore della parrocchia cittadina di San Francesco dal 1969, assistente dei gruppi di Volontariato Vicenziano, dal 1980. Dal 16 febbraio 1981 ha ricoperto l’impegno di economo de “la Settimana”.
Il 31 marzo 1983 era nominato canonico onorario del Duomo e il 24 maggio 1984 Rettore della Rotonda.
Dopo il raggiungimento dei 60 anni di Messa si ritirava alla Casa del Clero diocesana, ove trascorse questi ultimi anni. Don Daniele ha coniugato il suo ministero con i vari incarichi ricevuti lasciando un caro ricordo del suo servizio. Il suo animo sacerdotale si apriva alla paternità negli anni del suo servizio nella Chiesa del Cimitero cittadino “in uno speciale ministero della consolazione”. Il suo amore alla Madre di Dio trovava ampio spazio nelle celebrazione nel tempio cittadino dedicato a “S. Maria del Soccorso”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...