Don Enrico Turcato si racconta come nuovo responsabile dei giovani diocesani

di Thomas Paparella

La scorsa settimana abbiamo intervistato Don Fabio Finotello che ha salutato la pastorale giovanile diocesana con un forte “in bocca al lupo” al suo successore Don Enrico Turcato. Oggi raggiungiamo proprio Don Enrico che si appresta a cominciare una nuova avventura dopo sette anni nella Parrocchia di Santa Sofia di Lendinara.

Caro Don Enrico quali sono le tue emozioni in vista di questa nuova esperienza?Il mandato che ricevo è, prima di ogni altra cosa, un atto di fiducia che mi è stato accordato e di cui ringrazio il Vescovo e don Damiano. Una signora di Lendinara, dopo aver sentito del mio trasferimento mi ha detto: “L’è stà promosso! El sarà contento!”. Onestamente non ho mai letto la mia nomina a Direttore del Servizio diocesano di Pastorale Giovanile come una promozione e nemmeno lo voglio pensare. Preferisco pensare, e così ho detto ai giovani della mia parrocchia, che semplicemente la Chiesa mi sta chiedendo di allargare il mio cuore ad una porzione più ampia di giovani. Entro allora in questo servizio diocesano, che comporta certamente responsabilità maggiori, con la serenità di chi sa che amare non è facile ma quando si dona un po’ al Signore, Lui sa aprire strade inesplorate e talvolta anche più avventurose. La Pastorale Giovanile diocesana sarà il mio terreno da esplorare e la mia avventura da vivere.
Ci provo sapendo di poter contare sull’aiuto di persone valide.

enrico turcato 2

Chi ti ha preceduto (Don Fabio) ha “disegnato” nuove idee e cammini di pastorale giovanile, anche se prematuro quali saranno le tue attenzioni principali o quali sono i tuoi desideri per i giovani della diocesi?
Ricevo da don Fabio una eredità preziosa fatta di ragionamenti e progettazioni che nel corso degli anni hanno dato una struttura adeguata al nostro tempo. Anche se l’ho già fatto di persona nelle scorse settimane, desidero rinnovare il mio grazie a don Fabio. Ha fatto tanto, ha dato tanto ai giovani della diocesi! In questi anni, anche come incaricato di PG vicariale, oltre che negli anni di seminario, ho avuto molte occasioni per collaborare con lui e quindi il passaggio di testimone diventa più facile. Così anche la continuità viene garantita e il cammino dei giovani della diocesi prosegue.
Certamente, non avendo altri impegni diocesani, il mio tempo sarà totalmente per questo servizio diocesano e il cambiamento porterà con sè inevitabilmente anche qualche novità che adesso non saprei esplicitare se non con due linee guida che mi sembra possano interpretare il sentire comune e anche le linee di PG nazionale: ascolto della realtà e lavoro di squadra. In altre parole desidero che il mio servizio sia in ascolto dei giovani del territorio diocesano e che questo ascolto comporti scelte operative.
Anch’io ho i miei difetti: non so stare fermo! E desidero che queste scelte operative non siano mie ma siano condivise da una equipe di persone che insieme a Enrico Zamariola, vicedirettore, coordineremo. E comunque ci sarà tempo di programmare… intanto iniziamo.

Don Luca Borgna ti affiancherà nella Pastorale Vocazionale, che tipo di collaborazione si potrà formare tra voi due che vi conoscete da molto tempo?
Con don Luca non abbiamo ancora potuto parlare di collaborazioni, di certo vivremo insieme in Seminario e insieme condividiamo, oltre all’amicizia, anche il desiderio di intercettare più giovani possibili per dare loro possibilità concrete di incontrare il Signore. Da parte mia credo fermamente che Pastorale Giovanile e Vocazionale non possano lavorare divise. Dove c’è possibilità di fare pastorale giovanile non può che esserci anche la possibilità per la pastorale vocazionale. Altrimenti non sarebbe pastorale giovanile. Dove c’è un giovane lì c’è anche il suo desiderio di senso… eccoci allora “obbligati” a collaborare se vogliamo il bene di quel giovane. Certamente la dimensione vocazionale ha anche la sua autonomia, ma il terreno su cui si semina è lo stesso.

don enrico 4

Non può mancare un pensiero alla realtà che lasci, Santa Sofia, in sette anni hai costruito tante belle cose con i giovani che ora si apprestano ad accogliere Don Alberto Rimbano e Don Michele Samiolo. Che messaggio vuoi lasciare ai ragazzi lendinaresi e quale pensiero vuoi mandare ai due tuoi confratelli ?
Certamente Lendinara e, in particolare i giovani, sono una parte importante di me. Qui sto lasciando tanti ricordi, tante esperienze vissute, tanta vita… ma credo anche tanta responsabilità. Certamente il distacco ferisce ma sono convinto che stia anche rinforzando la disponibilità a mettersi in gioco in prima persona. Sono orgoglioso di tutti i ragazzi che ho incontrato in questi anni e che, con coraggio, stanno ringiovanendo il volto della Comunità Lendinarese. Da padre e fratello maggiore li affido ad altri due miei confratelli che stimo e apprezzo.
Don Alberto e don Michele troveranno una Comunità viva che li attende per continuare il cammino. Per loro è la mia gratitudine per aver accettato questo servizio e il mio incoraggiamento a mettersi in gioco con amore. Lendinara sa ricambiare. Di questo ne sono testimone.

Per chiudere, quando comincerà ufficialmente e indicativamente il tuo lavoro come responsabile della Pastorale giovanile?
Non c’è una data ufficiale di inzio. Di fatto, appena completerò i passaggi di consegne con don Fabio, inizia il mio servizio anche se per i primi tempi dovrò necessariamente essere ancora a Lendinara almeno fino all’ingresso dei nuovi parroci per poter passare le consegne del lavoro svolto. Già in queste settimane mi sto organizzando per essere operativo, anche se macinando chilometri in macchina, da fine settembre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...